“Quando l’apprendimento individuale non è abbastanza”

Una rete cerebrale supporta le influenze sociali nel processo decisionale umano

Uno studio di neuroimaging rivela che l’apprendimento sociale è rappresentato nella corteccia cingolata anteriore, mentre l’apprendimento diretto è rappresentato nella corteccia prefrontale ventromediale. Le due aree interagiscono entrambe con lo striato, il che aiuta a calcolare sia l’errore di previsione della ricompensa che l’errore di previsione sociale.

Fonte: Università di Vienna

Tratto da https://neurosciencenews.com/social-decision-making-learning-16869/

L’apprendimento diretto e l’apprendimento sociale vengono effettuati in regioni del cervello distinte ma interagenti. Credits: Lei Zhang.

In un nuovo studio, i ricercatori del Centro medico universitario di Amburgo-Eppendorf (UKE) in Germania hanno inserito gruppi di cinque volontari nello stesso esperimento decisionale al computer, in cui a ciascuno di loro sono stati presentati due simboli astratti. Il loro obiettivo era scoprire quale simbolo avrebbe portato a maggiori ricompense monetarie a lungo termine. In ogni round dell’esperimento, ogni persona prima faceva una scelta tra i due simboli, e poi osservava quali simboli avevano selezionato le altre quattro persone; successivamente, ogni persona potrebbe decidere di attenersi alla propria scelta iniziale o di passare al simbolo alternativo. Infine, un risultato monetario, una vittoria o una sconfitta, è stato consegnato a ciascuno secondo la loro seconda decisione. “In questo modo, consentiamo le interazioni in tempo reale tra i volontari, il che aumenta notevolmente la validità ecologica”, afferma il leader dello studio Lei Zhang, allora presso l’UKE e ora ricercatore post-dottorato presso l’Università di Vienna.

In effetti, quale simbolo era correlato a una maggiore ricompensa cambiava sempre. All’inizio dell’esperimento, uno dei due simboli restituiva ricompense in denaro nel 70% delle volte e, dopo alcuni round, forniva ricompense solo nel 30% delle volte. Questi cambiamenti hanno avuto luogo più volte durante l’esperimento. “Questo cosiddetto paradigma di apprendimento inverso creerà incertezza per i volontari in modo che avranno sempre bisogno di imparare e imparare di nuovo per ottenere più risultati. In particolare, quando l’inversione è appena avvenuta, alcune persone nel gruppo potrebbero sceglierla più velocemente di altre e, in tal caso, le altre potrebbero combinare queste informazioni sociali nei propri processi decisionali “, spiega Jan Gläscher, che conduce una ricerca gruppo sulla valutazione e il processo decisionale sociale presso l’UKE.

Si prevede che i volontari cambino più spesso quando si trovano di fronte a scelte opposte dagli altri, ma è interessante notare che la seconda scelta (dopo aver considerato le informazioni sociali) rifletteva la struttura della ricompensa meglio della prima scelta. Come spiegare questa scoperta? I ricercatori hanno utilizzato modelli sofisticati per quantificare il comportamento dei volontari e hanno svelato strategie computazionali separate per l’apprendimento diretto e l’apprendimento sociale. “All’inizio di ogni round, i volontari combinavano la propria esperienza di apprendimento diretto e l’esperienza di apprendimento sociale per guidare la loro scelta”, dice Zhang, “per cui l’apprendimento diretto segue un semplice algoritmo di apprendimento di rinforzo e l’apprendimento sociale viene istanziato monitorando la cronologia delle ricompense ottenute dagli altri.”

All’interno di ciascun gruppo, i ricercatori hanno scansionato il cervello di uno dei volontari utilizzando la risonanza magnetica funzionale, che ha permesso loro di misurare quando e dove il cervello esegue sia l’apprendimento diretto che l’apprendimento sociale, e di capire se i due tipi di apprendimento sono effettivamente associati con diverse firme neurali. Le scansioni cerebrali hanno mostrato che l’apprendimento diretto è rappresentato nell’area chiamata corteccia prefrontale ventromediale, mentre l’apprendimento sociale è rappresentato nell’area chiamata corteccia cingolata anteriore. Queste due aree interagiscono anche con un’area nel mezzo del cervello chiamata striato, “che calcola sia l’errore di previsione della ricompensa che l’errore di previsione sociale, quantificando l’apprendimento per tentativi ed errori per informare il comportamento”, afferma Gläscher. “Questi indicano una rete cerebrale integrata che supporta l’influenza sociale nel processo decisionale umano“.

Questi risultati suggeriscono che due tipi unici di segnali di apprendimento sono calcolati in regioni distinte ma interagenti nel cervello umano e rappresentano strategie computazionali separate per il processo decisionale in contesti sociali. “L’apprendimento diretto è efficiente in situazioni stabili“, spiega Gläscher, “e quando le situazioni cambiano e sono incerte, l’apprendimento sociale può svolgere un ruolo importante insieme all’apprendimento diretto per adattarsi a situazioni nuove, come decidere il menu del pranzo in una nuova azienda . “

“Sono state condotte molte ricerche sull’apprendimento diretto, ma relativamente poco sull’apprendimento sociale e su come interagiscono”, afferma Zhang. Cosa c’è dopo? “Un’area importante per ulteriori ricerche sarà interrompere una parte della rete identificata utilizzando tecniche di stimolazione cerebrale non invasive e determinare come i comportamenti e le strategie di calcolo vengono alterati nel processo decisionale sociale”, afferma Gläscher. “E alla luce della pandemia COVID-19 in corso, non è possibile che individui e governi imparino dagli errori da soli e, invece, è necessaria una società umana globale e collettiva per affrontare tutte queste sfide“.

What Are Your Strengths?

If you have ever interviewed for a job, you’ve probably been asked the question: What are your strengths? It’s one of the first questions job seekers might prepare for, considering that any future employer, manager or colleague will want to know how you will positively impact their organization.

For those who have an Emergenetics® Profile, you have an advantage in answering this question that you may not even be aware of. Because the Profile reveals your innate brilliances, you can use these insights to articulate the gifts you would bring to any role.

As you prepare for your next interview or as you advance your career within your current organization, consider how you can talk about your preferences to demonstrate the strengths you bring to each position.

And, remember, as you review these suggestions, you may identify with strengths mentioned in your preferred Attributes and even in those that you do not have a preference. After all, the Profile measures our preferences, not skill, and we all possess each Attribute, so be sure to take a look at each one as your consider what all reflects your gifts.

Those with an Analytical preference often share the innate strengths below:

  • Logical problem solver
  • Easily assimilates information
  • Researcher who brings care and consideration for accurate data
  • Level-headed thinker who readily connects to the bottom line

For those with a Structural preference, reflect on these gifts that are commonly found in this Attribute:

  • Detail-oriented and thorough
  • Brings order to chaos, effectively implementing ideas
  • Enjoys tying up all loose ends to see projects to completion
  • Follows through on commitments

Those with a Social preference commonly share these brilliances:

  • Empathic and compassionate
  • Intuitively understands others
  • Tactfully communicates positive and difficult messages
  • Considers the impact on others in decision making

For those with a Conceptual preference, consider these assets commonly found in this Attribute:

  • Future-oriented, global thinker
  • Connects seemingly disparate topics to find commonalities
  • Breaks down barriers to find solutions
  • Connects back to the big picture and vision

For those in the first-third of Expressiveness, consider these gifts you may have:

  • Carefully weighs input
  • Forms thoughts before speaking

For those in the third-third of Expressiveness, you may possess these brilliances:

  • Outwardly shares ideas with others
  • Talks through possible solutions

For those in the first-third of Assertiveness, consider whether these common strengths resonate with you:

  • Mediates disagreements in a peaceful manner
  • Builds consensus within groups

For those in the third-third of Assertiveness, you may possess these assets:

  • Brings energy and pace to drive projects forward
  • Engages in healthy debate to flesh out ideas

For those in the first-third of Flexibility, reflect on these brilliances that are often found with this Attribute:

  • Brings focus to projects and tasks
  • Asks important, clarifying questions in the midst of change

For those in the third-third of Flexibility, you may identify with these gifts associated with this preference:

  • Welcomes change with an open mind
  • Discovers new opportunities within each solution

For those in the second-third of any Behavior, reflect on these strengths that you may possess:

  • Flexes naturally between Behavioral styles, enabling you to see all angles
  • Builds bridges between preferences

As you consider your next career move or how you plan to grow within your organization, it’s highly likely that you will be asked to define the strengths you bring to each role. I encourage you to think about how you can lean on your Profile to talk about the inherent assets you bring to the workplace, which benefit your teammates, colleagues and organization. For more ideas, consider referring back to your Profile, personalized Narrative Report or the Emergenetics+ app!

Shana Bosler
Director, Coaching,
Learning & Development
Emergenetics International